Il futuro non è il tuo, ma dei giovani che intraprendono nel commercio evoluto
2 Marzo 2018
Un nuovo mix di ingredienti nel punto vendita per dare più sapore alle vendite
29 Marzo 2018

Il marketing di prossimità quando è programmato per essere easy e friendly può far sopravvivere il piccolo punto vendita ai grandi shop.

Quanto dispiacere si prova a vedere chiusi i negozi storici delle nostre città o nel chiudere il proprio punto vendita dopo decenni di attività?

Purtroppo di solo amore si può vivere, ma non quando si parla di un’attività commerciale!

Le spese sono tante e noi tutti lo sappiamo bene, ma il sacrificio è l’essenza stessa del successo.

Oltre ad un servizio dignitoso ed a un buon prodotto, c’è bisogno di maggiore consapevolezza, c’è assoluto bisogno di comprendere e studiare il conteso che ci circonda, anche se ci si trova in una piccola realtà.

I dubbi sono più che comprensibili, fa paura investire in ciò che non si conosce, ma è sicuramente più pericoloso limitare le proprie possibilità per svogliatezza e malafede.

Questo vi dimostra che il legame emotivo è importante, anzi fondamentale, ma da solo non basta più.

Oggi le distanze non sono più le stesse. Niente è irraggiungibile e con internet tutto è più vicino. Si guarda lontano, ci si relaziona in molteplici modi e si viaggia di più.

Molte cose sono cambiate e soddisfare i nostri bisogni è decisamente più facile.. very easy…

Un numero incalcolabile di esigenze, gusti, richieste, un numero altrettanto cospicuo di aziende pronte a soddisfarle.

Il pubblico, che siano i nostri futuri o abituali clienti con i loro desideri, alimentati da una presenza tamburellante del nostro brand preferito, vengono sollecitati all’acquisto con tecniche sempre più raffinate ed efficaci, già dalla prima ricerca online.

Ecco il punto per chi ha un’impresa commerciale dotata di un esercizio fisico: rapire il proprio cliente portandolo verso l’acquisto in negozio, trascinandolo via da tutte le tentazioni dell’acquisto in rete o dai grandi centri commerciali.

Una lotta senza quartiere che comunque consente, oltre alla creazione del desiderio e di appeal verso il brand, la possibilità di dare un’alternativa al cliente: quella di venire a trovarci, per provare l’emozione e l’intimità di una relazione personale che l’acquisto online e le grandi superfici  decisamente non offrono.

Proprio il contatto umano è l’elemento rimasto intatto, in questo turbine di cambiamenti, ed è ancora molto importante! Non è nient’altro che quel bisogno imprescindibile, proprio di ogni esser umano, di affidarsi a qualcuno, soprattutto quando si tratta di realizzare il suo acquisto.

Insomma la relazione friendly è ancora apprezzata da tantissimi italiani.

Ebbene sì, in un mondo dove regna la globalizzazione e dove la distanza non dovrebbe più far paura, sentiamo ancora il bisogno di certezze e di calore umano.

Fin qua è tutto scontato!

Allora, come difendere il negozio o la bottega di prossimità, dalle tentazioni delle offerte online e dalle grandi catene, che con grandi mezzi e sapiente appeal invadono la loro area di pertinenza?

Il concetto di Mercato di Prossimità è un’opportunità straordinaria per la piccola impresa commerciale!

Non voglio annoiare nessuno, ma è bene dare una spiegazione tecnica sul significato specifico di questo concetto:

Con Mercato di Prossimità si intende generalmente vicinanza o più correttamente ciò che è prossimo, in cui rientrano sia i luoghi che le persone.

Si fa riferimento a quei posti più familiari, che fanno parte della nostra vita quotidiana e a chi questi luoghi li condivide con noi.

Parliamo della zona, del quartiere, dell’area in cui viviamo oppure in cui possiamo facilmente arrivare, con quello che offre dal punto di vista dell’acquisto di beni e servizi offerti dalle attività presenti.

✅ La strategia da adottare è un mix di azioni che somigliano molto a quelle militari:

✅ La perfetta conoscenza del territorio

✅ La perfetta conoscenza di chi lo vive

✅ Un presidio visivo totale dell’area

✅ Un’offerta costruita per essere percepita come differenziata! (poi vedremo il perché)

✅ Un percorso di vendita studiato a tavolino (cosa e come fare, e soprattutto cosa dire e come parlare…)

✅ Un servizio post vendita che lasci una traccia positiva dell’esperienza

✅ Un sistema dinamico di contatto che alimenti il business con “ritmo”

Insomma:

L’obiettivo è quello di conoscere bene territorio, persone e saper essere da loro desiderati ed apprezzati!

Dunque, è chiaro come il mercato di prossimità, seppur ispirato da un’esigenza “antica”, sia una reale opportunità, che non può prescindere dalle innovazioni del mercato di oggi.

L’unico modo per sopravvivere ai “giganti” per chi è “piccolo” è quello di non aver timore nel conoscere le proprie paure ed affrontarle con un’adeguata preparazione e tanta voglia di evolversi e sviluppare un progetto adeguato ai tempi.

Dal negozio di alimentari, alla bottega delle delizie;

Dalla merceria ad un punto di passione per il cucito;

Dalla macelleria alla gastronomia;

Dal negozio di abbigliamento alla boutique tematica….

Solo la passione nel fare commercio resterà immutata, ma sarà un modo completamente diverso di vivere il punto vendita, sia per il negoziante che per il cliente.

Per quanto mi riguarda, seguo con grande passione i punti vendita che desiderano evolvere il proprio modello di business, attraverso le strategie omnicanale che sono sconosciute alla stragrande maggioranza degli operatori, ma sono oggi sotto gli occhi di tutti, adottate con profitto da chi è riuscito ad evolvere le proprie conoscenze su queste nuove tecniche.

Giorgio