Il tempo e lo spazio alla base dei nuovi Concept Store
11 Maggio 2018
Guardando oltre la prossimità
24 Maggio 2018
Mostra tutto

I locali Pet-friendly: il nuovo trend della ristorazione

I locali pet-friendly cominciano a sbocciare come fiori a primavera e le regole nel campo della ristorazione sono in fase di cambiamento.

Qualsiasi attività commerciale deve assolutamente essere al passo con i tempi per sopravvivere, questo è ormai un dato conclamato.

Ma c’è un altro elemento cardine che merita una menzione:

Ora sono i clienti a dettare le regole.

Non c’è dubbio: “Il cliente ha sempre ragione”.

Ma la questione è che ora il consumatore influenza in modo pervasivo anche l’idea che si trova alla base di una nuova attività.

Chi vuole aprire un locale, prima di decidere su cosa puntare, deve necessariamente prendere in considerazione quali siano i gusti di un ipotetico target.

Le tue competenze, che siano nel settore della ristorazione o in quello della moda, non bastano più.

Per investire al meglio i tuoi soldi, c’è bisogno di quell’idea originale che in pochi possono riproporre.

Se all’inizio del nuovo secolo un bar/pub/ristorante dedicato agli animali era qualcosa di impensabile, oggi questa realtà è particolarmente diffusa.

Non solo, è una scelta davvero arguta, che sta ridefinendo lentamente le regole del settore.

In Europa ci sono diversi esempi di locali pet-friendly.

Nel nostro Paese, Milano e Torino sono i luoghi in cui queste attività hanno avuto maggiore diffusione.

Uno tra questi si trova a Concorezzo, vicino Monza e si chiama Akita Lounge Bar, in riferimento alla razza di cani giapponesi conosciuti per la loro indole docile e particolarmente devota.

All’interno del locale è possibile portare il proprio cane e ammirare due bellissimi esemplari di questa razza, che sono di proprietà dei titolari.

Sulla stessa lunghezza d’onda, c’è anche il torinese Bau Bar.

Dove i vostri fedelissimi compagni di avventura possono soggiornare in piena tranquillità, consultando un menù fatto a posta per loro.

Per gli amanti dei gatti invece, c’è il Crazy Cat Café.

Un’attività che si trova a Milano e in cui è possibile sorseggiare un cappuccino in compagnia della colonia di gatti che popolano il locale.

I progetti più ambiziosi però sono stati realizzati in Europa.

L’ungherese Zoo Café è uno tra questi.

Situato nel cuore di Budapest, il bar ospita gli animali più disparati.

Come nel caso del Crazy Cat Café, in questo locale non è possibile portare animali esterni, bisogna farsi bastare quelli già presenti nel locale.

Ce ne sono una moltitudine: conigli, porcellini d’india, gatti Maine Coon, ricci, tartarughe, iguane, camaleonti, serpenti, un cacatua e due simpaticissimi tucani.

La politica è semplice, i camerieri portano i vari animali direttamente sul tavolo dei clienti, alternandoli a loro piacimento.

 

Anche la capitale londinese non perde l’opportunità di seguire questo nuovo trend.

Di recentissima apertura è il locale conosciuto come Annie the Owl, un bar per gli amanti dei gufi che ospita sei meravigliosi esemplari.

 

Andando oltreoceano, precisamente in Giappone, troviamo un progetto davvero grandioso.

A Tokyo ha aperto un vero e proprio villaggio dedicato ai gatti, il Kichijoji Petit Mura.

Un progetto che va ben oltre un semplice cat café e che comprende: giostre, spettacoli, negozi, botteghe, aree comuni colonizzate da gatti, ristoranti, sale da tè e gallerie d’arte.

Tutti luoghi stile fiabesco, in cui i felini posso entrare liberamente e fare ciò che più li aggrada.

Insomma, questi sono sicuramente dei progetti all’avanguardia, o meglio coraggiosi, ed il fatto che gli animali piacciano un po’ a tutti non è la garanzia del loro successo.

L’impegno, la professionalità e l’attenzione al dettaglio, sono comunque molto importanti.

Inoltre, soprattutto nei locali in cui gli animali non sono ospiti ma padroni di casa, bisogna fare molta attenzione alla loro cura e al loro benessere.

Le polemiche e i dubbi sull’eticità di questi progetti infatti, sono sempre dietro l’angolo.

Gli animali necessitano di un’attenzione estrema e di conseguenza, per rendere celebre un locale pet-friendly c’è bisogno di una grande passione e dedizione.

È sicuramente importante cavalcare la cresta dell’onda, ma bisogna anche essere in grado di rimanerci sopra, evitando cadute rovinose.

Stare al passo con i tempi è ok, le idee creative sono ok, ma la serietà è il collante fondamentale che rende ogni cosa resistente nel tempo e che, se assente, manda tutto KO.

Noi di Gruppo Bang apprezziamo chi ha il coraggio di osare, ma non sopportiamo davvero la mancanza di professionalità.

Crediamo che ogni attività, attraverso un buon piano comunicativo, debba riuscire a trasmettere serietà ed affidabilità ai propri clienti.

E che sia necessario, successivamente, dimostrare questa professionalità in maniera concreta!

La nostra squadra sa bene che le regole superficiali sono in continuo mutamento, ma è altrettanto consapevole di come, in realtà, i principi fondamentali rimangano sempre gli stessi.

 

info@gruppobang.com